top of page

La sensazione di congelamento e le autocognizioni negative

La sensazione di congelamento è spesso la causa principale delle autocognizioni negative. Quando una persona è congelata, è incapace. Un esempio estremo di ciò è quando una persona è vicina a una sporgenza ed è troppo congelata per fare un passo indietro, un passo che normalmente non è un problema. Quindi una persona con una sensazione incorporata di congelamento può sentirsi incapace ogni volta che viene attivata la sensazione di congelamento. Una volta che una persona avverte la propria incapacità di fare qualcosa, emergono sentimenti di ansia, sentirsi sopraffatti e comportamenti di procrastinazione.


Ad esempio, Molly ha incontrato i suoi avvocati che l'aiuteranno con i suoi affari. L'ansia di Molly diventava così intensa che non riusciva a pensare. Una volta che la sensazione di congelamento alla base dell'ansia di Molly è stata rilasciata, non ha più avuto problemi di ansia.


La connessione tra la sensazione di congelamento e l'ansia è che quando una persona deve fare qualcosa ma non può, perché percepisce la propria incapacità, diventa ansiosa di non poterla fare. La persona congelata procrastina anche per evitare la possibilità di ansia.


Una delle conseguenze della sensazione di congelamento sono le autocognizioni negative. Una persona che non può essere efficace nel mondo avrà probabilmente cognizioni come "non sono molto bravo in quello che faccio", "tutto è semplicemente troppo difficile per me", "non riesco proprio a fare ciò che gli altri può fare." Se il focus del trattamento è solo sulla cognizione negativa, la cognizione negativa può essere resistente al cambiamento, perché il senso di incapacità sottostante è ancora presente.


D'altra parte, una volta rilasciata la sensazione di congelamento alla base del comportamento e delle cognizioni, i sentimenti di efficacia nel mondo fanno sembrare sciocche le cognizioni negative. Non è così difficile identificare se la sensazione di congelamento è la radice del problema. Chiedi alla persona se quando immagina di fare il comportamento che suscita la cognizione negativa se avverte una sensazione di congelamento o se si sente paralizzata. Se la risposta è "sì", usa il protocollo di rilascio congelato per liberare la sensazione di congelamento o paralisi.



8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page